Esterno/Interno – Studio LI-XI. Cagliari IT 2018

internoesterno-crisa18-lixi_CV00773

internoesterno-crisa18-lixi_CV00776

internoesterno-crisa18-lixi_CV00784

internoesterno-crisa18-lixi_CV00785

internoesterno-crisa18-lixi_CV00798internoesterno-crisa18-lixi_CV00802

internoesterno-crisa18-lixi_CV00816
internoesterno-crisa18-lixi_CV00848
internoesterno-crisa18-lixi_CV00859

internoesterno-crisa18-lixi_CV00861
internoesterno-crisa18-lixi_CV00872

internoesterno-crisa18-lixi_CV00876
internoesterno-crisa18-lixi_CV00885

internoesterno-crisa18-lixi_CV00895

internoesterno-crisa18-lixi_CV00909

internoesterno-crisa18-lixi_CV00910

internoesterno-crisa18-lixi_CV00918

internoesterno-crisa18-lixi_CV00924
PHOTO BY Pierluigi Dessi
esterno/interno di Federico Carta

Il titolo della mostra allude all’influenza che il mondo esterno esercita sull’immaginazione dell’artista.
L’esperienza creativa di Federico Carta si nutre di camminate urbane e si arricchisce dalla casualità del flusso degli incontri.
La città contemporanea comunica con lui, rivela nei sui aspetti marginali una vita intensa in continuo cambiamento, mostra habitat meravigliosi, degrado e rinascite che si avvicendano senza sosta, ma è un mondo misterioso che si svela solo a chi ha la curiosità per la scoperta.
All’interno del suo studio queste visioni esteriori, filtrate da una sensibilità straordinaria, si trasfigurano nell’azione pittorica in immagini e simboli di universi animati.
Sulle tele emergono bizzarre visioni grafiche, libere trasposizioni di impulsi interiori, una realtà sospesa tra immaginario e reale.
La pratica di muralista urbano, capace di eseguire lavori imponenti che ricoprono anche intere architetture, ritrova nelle opere su tela un carattere più intimo.
Federico Carta ha elaborato un linguaggio espressivo molto originale, ciascuna tela viene preparata con il bitume, letteralmente asfalto liquido che accoglie svariate sovrapposizioni di pittura finché l’artista rintraccia lo sfondo ideale per far emergere graficamente il mondo visionario e simbolico che lo caratterizza.
Il gesto grafico, eseguito con un punteruolo, libera gli strati di colore riportando alla superficie un tratto nero bitume, sottile e brillante. Il raschio disegna alcuni simboli costanti, le piante che crescono e avvolgono ogni cosa, fili sottilissimi o grondaie imponenti che collegano e uniscono indistintamente elementi naturali e tracce umane.
Il risultato è un’immagine stratificata e profonda dalla quale affiorano cromie, scritte e altri messaggi visivi, in un rimando di suggestioni e assonanze con i muri delle città, una creazione interiore dove tutto appare in crescita e movimento.
Marco Peri
20181205_114200

internoesterno-crisa18-lixi_CV00802

20181205_103850

48370088_333766577221577_4379247327580258304_n

48357320_2475601899122674_1905027817813311488_n

48370565_2513342368681549_1179046399099011072_n

48348620_2026783364103964_1306449817886523392_n

48358424_2002206229900991_1210941994470211584_n

48376180_646446639091762_7579874364061908992_n

48394933_426826591188772_4770770151077314560_n

48396674_316404999203762_8706909632624328704_n

esterno/interno
Mostra personale di Federico Carta
Studio di Architettura LI-XI Cinquantuno-Undici
Via Ada Negri 21 Cagliari
dal 14 dicembre 2018

Annunci